03/12/2019

Diffondere ancora la cultura del dono per donare più cultura al nostro territorio

Fin dalla sua nascita, la Fondazione Enrico Isaia Maria Pepillo si pone l’obiettivo di cercare un costante confronto con altre realtà che perseguono le stesse strade.

Da qui la scoperta di una realtà come il GivingTuesday, e l’adesione al suo obiettivo di diffondere la cultura del dono attraverso la promozione di una giornata dedicata contrapposta agli appuntamenti consumistici del Black Friday e  Cyber Monday. Quest’anno torniamo con una nuova campagna per far crescere ancora il nostro progetto

Lo scorso anno, a Palazzo Salerno Lancellotti, sede operativa della Fondazione, stava prendendo forma l’idea di un centro di aggregazione per tutti coloro che si interessano di storia, cultura e tradizioni della Regione Campania. A Casalnuovo, provincia di Napoli, era tempo di dar vita a una “biblioteca condivisa”, cioè creata attraverso la donazione, o anche il semplice prestito, di volumi da parte di chiunque esprimesse il desiderio di condividerli per trasformarli in parte di un qualcosa di più grande e significativo.

È così che il GivingTuesday è diventato, per noi della Fondazione Isaia, il Giving Books Day, ovvero la prima giornata di una campagna sviluppata sul territorio di Casalnuovo per stimolare una sorta di book crossing organizzato (i libri possono essere consultati o presi in prestito anche senza ‘scambio’) finalizzato alla promozione della lettura e al recupero delle radici e dell’identità del territorio. Al contempo, il Giving Books Day vuole incoraggiare la rivalutazione del libro quale strumento di formazione della persona.

Il progetto è stato annunciato in un incontro a Palazzo Lancellotti il 27 novembre 2018 (giornata del GivingTuesday per lo scorso anno) ed è andato avanti, come tutte le campagne che hanno aderito a questa piattaforma, fino al termine del mese di febbraio 2019, con l’obiettivo di raccogliere almeno 100 volumi dedicati alla Regione Campania, che sono stati raccolti, catalogati, archiviati e messi a disposizione del pubblico.

Il progetto è stato inoltre accompagnato dall’organizzazione di incontri legati alla lettura e alla diffusione della cultura napoletana: “Un francese napoletano” con Jean Noel Schifano, “Una Napoletana a Napoli” con Antonella Cilento e “Un napoletano di New York” con Antonio Monda.

Infine è nato anche un gioco tra persone vicine alla Fondazione Isaia: la richiesta di “liste dei desideri” per costruire una biblioteca “ideale”.

Attraverso questo percorso, il primo obiettivo è stato raggiunto. Oggi la Biblioteca condivisa della Fondazione Isaia ha all’attivo circa 180 volumi, tra libri dedicati all’arte, alla storia, alla narrativa della cultura napoletana.

Questo è solo l’inizio per l’attività della biblioteca, che si spera possa raggiungere, grazie al contributo di tutti, un numero di volumi molto più elevato, prevedendo fin ad ora anche la possibilità di entrare in rete con altre esperienze, preferibilmente del mondo no profit, dedicate alla promozione della lettura e della cultura in senso più ampio come strumento di crescita civile e sociale di una comunità.

Per questo motivo ora la nuova sfida da vincere con il supporto della piattaforma Giving Tuesday è di arrivare a 300 volumi raccolti entro fine Febbraio 2020

Ovviamente il progetto non si ferma qui, anzi quest’anno è nostra intenzione lavorare non solo sulla ricezione di nuovi volumi ma anche e soprattutto sulla loro fruizione!!

Il 3 Dicembre, per celebrare con noi della Fondazione Enrico Isaia Maria Pepillo la Giornata mondiale del dono, l’appello è uno solo, anzi due: donate un libro, e prendetene in prestito un altro!

Torna alle notizie Torna alle notizie
associato a Assifero